15 dic 2017

Recensione Trilogia dei Sogni, di Kerstin Gier

Trilogia dei sogni di Kerstin Gier
Cari lettori, oggi vi propongo una serie di libri che ho trovato davvero molto interessante.
Sto parlando della Trilogia dei Sogni di Kerstin Gier, già autrice della famosa Trilogia delle Gemme.
Editata da Corbaccio, rappresenta una delle serie Young Adult e Paranormal Romance più conosciute tra tutti i lettori del genere.

La Gier ci regala un'altra serie intrisa di giallo che, però, di fantasy ha quasi ben poco.
Lo stile dell'autrice, infatti, regala letteralmente un sogno avvolto in una serie di misteri da risolvere.
E' uno stile così particolare, il suo, che leggere le sue storie rappresenta una scoperta che illumina ogni lettore.
Tutta basata sulla realtà dei sogni lucidi attraverso una porta nel sonno, Silver è una trilogia che ci lascerà con il fiato sospeso.

Ma vediamo come è composta la serie e ogni sua trama:
1. Silver, il libro dei sogni.
2. Silver, la porta di Liv

3. Silver, l'ultimo segreto.

TRAMA #1

Porte che si spalancano su luoghi segreti, statue che parlano, una ragazzina che si aggira con un’ascia in mano... I sogni di Liv Silver non sono tranquilli negli ultimi tempi. Soprattutto uno: un sogno in cui si ritrova di notte in un cimitero insieme a quattro ragazzi impegnati in un rituale dall'aspetto satanico. E questi tipi hanno un legame con la vita vera di Liv, perché sono Grayson, il fratellastro appena acquisito da quando la mamma ha portato lei e la sorella a vivere a Londra con il suo nuovo compagno, e i suoi amici. Perché adesso Liv frequenta la stessa scuola. Perlomeno sono tutti abbastanza simpatici. La cosa veramente strana, però, è che da quando è a Londra Liv ha scoperto di avere accesso ai sogni degli altri. Attraverso porte dai colori e forme diverse entra letteralmente nell'inconscio dei suoi amici. Una faccenda affascinante, se non fosse che, da alcune frasi che capta durante il giorno, sembra che anche loro sappiano della presenza di Liv nei loro sogni. Come è possibile?



TRAMA #2
Liv è sconvolta: Secrecy, la misteriosa autrice del blog più frequentato della scuola, conosce i suoi segreti più intimi. Come è possibile? E cosa le nasconde Hanry, il suo «fratellastro» da quando la mamma di Liv è andata a vivere con il padre di lui, trascinando anche Liv e la sorellina Mia in questa nuova avventura? Ma soprattutto, quale presenza oscura si aggira nottetempo negli infiniti corridoi del mondo dei sogni di Liv, un mondo che incredibilmente condivide con altre persone? E cosa significano gli improvvisi episodi di sonnambulismo di Mia? Incubi, misteriose apparizioni, cacce notturne, non favoriscono certo i sonni di Liv che di giorno, inoltre, è alle prese con una nuova famiglia decisamente complicata anche se con personaggi molto intriganti a partire da Henry per arrivare alla vecchia nonna. E con il fatto che ci siano in giro parecchie persone che hanno ancora dei conti in sospeso con lei, di giorno e di notte.

TRAMA #3
Ormai è appurato: nemmeno nei sogni si può stare in pace. Prima, quando Liv viveva a casa sua, i sogni erano affari suoi, ma adesso che si è stabilita a Londra insieme alla sorella Mia da Ernest, il nuovo compagno della madre Ann, sembra che tutti ne sappiano più di lei. In primo luogo Grayson, il fratello appena acquisito, e poi tutti i suoi amici. Da quando le sono apparsi in sogno in un cimitero, intenti in una cerimonia esoterica, Liv è costretta a condividere con altri ragazzi non solo la scuola, ma anche la notte e i suoi incubi. Da un certo punto di vista questo può avere i suoi aspetti positivi, specialmente quando Liv è con il fascinoso Henry… ma i sogni sono minacciati da una presenza oscura e inquietante pronta a seguire i ragazzi nei loro spostamenti e, soprattutto, il loro amico Arthur ha deciso inspiegabilmente di rovinare per sempre la loro vita. Di giorno, le cose non sembrano andare meglio in questa famiglia allargata dove c’è ancora qualche rancore di troppo tra Florence, la spocchiosa gemella di Grayson, la mamma di Ernest che mai e poi mai vorrebbe diventare la suocera di Ann e l’autore di un blog anonimo che si diverte a spiattellare tutti i segreti di Liv. Certo, c’è Henry, il suo meraviglioso fidanzato, ma cosa farà quando scoprirà che Liv gli ha mentito?

Silver, il libro dei sogni
Questa volta, a differenza di altre, vincono le copertine Italiane! Le ho adorate tantissimo.

Il mondo di Silver è un universo ambientato ai giorni nostri, in quel di Londra.
Ambientazione che ha fatto accrescere il mio desiderio di vedere Londra con i miei occhi e che, con mio grande piacere, sono riuscita a visitare quest'anno.
Olivia Silver, la nostra protagonista, si tufferà in una nuova avventura trasferendosi in Inghilterra con la sorellina Mia, la tata e sua madre, che si fidanzerà con uomo che diventerà presto il suo nuovo patrigno.
A Londra si farà nuovi amici tra cui Grayson, il fratellastro, ed Henry... il ragazzo per cui si prenderà una cotta.
Presto, però, un mistero che riguarderà i sogni, avvolgerà il resto del gruppo di Grayson ed Henry, coinvolgendo di punto in bianco la povera Liv.

I personaggi ben curati sono una caratteristica che sembra ritornare anche in questa altra serie della Gier. La caratterizzazione che dona a ciascuno di loro e lo stile con cui descrive i suoi personaggi ha sempre un certo effetto, che mi fa sentire come se esistessero davvero.
Liv è un personaggio ironico, dolce e allo stesso tempo realista, alle prese con una storia che la porta a vivere situazioni del tutto impossibili, ma che, sempre con ironia, riesce a gestire quasi tutta da sola.
Il coraggio è parte di lei e questo, con mio grande piacere, è una cosa che ho adorato fin dall'inizio.
L'autrice riesce a dare spazio ad ogni personaggio, partendo dalla tata che risulta essere un personaggio tuttavia molto simpatico o dalla madre un po' fuori i canoni normali.

I tre aggettivi per questa serie sono:
Simpatica, originale e curiosa!

Nonostante venga indicato tra i generi del Paranormal Romance, ammetto che Silver, di romance, non ha quasi nulla.
La storia tra Liv ed Henry si costruisce semplicemente durante tutti e tre i libri, ma in una maniera che non definirei così rilevante come, invece, sarà riservato ad altri avvenimenti con uno spessore maggiore. 
Questa trilogia, come ho già accennato, si può considerare un giallo intriso a sprazzi di fantasy e di una cultura reale come quella dei sogni lucidi.
Per quanto riguarda la scrittura di ogni capitolo, ho trovato ciascun libro molto scorrevole.
L'unica pecca, forse, è che ho trovato l'inizio davvero molto lento e ci ho impiegato un po' perché mi decidessi a continuarlo.
La trilogia dei sogni è una lettura dai temi originali che, fondamentalmente, può essere letta quando si cerca una serie un po' meno complicata da leggere o quando non si ha voglia di approcciarsi a qualcosa di elevatamente più pesante.
Proprio per questo, mi sento di consigliarla un po' a tutti.

Beh, direi che ho finito di dire tutto ciò che pensavo!
E voi, che farete? La leggerete?