9 dic 2017

Recensione Il castello errante di Howl, di Diana Wynne Jones

Copertina libro Il castello errante di Howl, di Diana Wynne Jones
Oggi vi propongo la recensione di un libro, che non potrebbe mai mancare tra gli scaffali della mia libreria!
Sto parlando de Il castello errante di Howl di Diana Wynne Jones, un Romanzo fantastico da cui è stato tratto il famoso film di animazione Giapponese dello studio Ghibli e di Hayao Miyazaki.

Per tutti gli amanti del genere, questo romanzo rappresenta l'ideale per una lettura che non sia troppo pesante e al tempo stesso troppo monotona.
Il romanzo, infatti, si propone ad un pubblico di bambini e ragazzi.
Nonostante questo, però, consiglio la lettura di questo libro a qualsiasi persona di ogni età, che voglia "nutrirsi" di un mondo magico e al contempo stesso voglia viaggiare in una dimensione particolare e avventurosa come non mai.

Il castello errante di Howl fa parte di una trilogia, ma ciascun libro della serie può essere letto tranquillamente a sé.
Ogni racconto, infatti, presenta un finale autoconclusivo. Ma vediamo la sua Trama e come si divide:

1. Il castello errante di Howl
2. Il castello in aria

3. La casa per Ogni Dove

TRAMA
La giovane Sophie vive a Market Chipping, nel lontano e bizzarro paese di Ingary, un posto dove può succedere di tutto, specialmente quando la Strega delle Terre Desolate perde la pazienza. Sophie sogna di vivere una grande avventura, ma da quando le sorelle se ne sono andate di casa e lei è rimasta sola a lavorare nel negozio di cappelli del padre, le sue giornate trascorrono ancor più tranquille e monotone. Finché un giorno la perfida strega, per niente soddisfatta dei cappelli che Sophie le propone, trasforma la ragazza in una vecchia. Allora anche Sophie è costretta a partire, e ad affrontare un viaggio che la porterà a stipulare un patto col Mago Howl, a entrare nel suo castello sempre in movimento, a domare un demone, e infine a opporsi alla perfida Strega.

Ho letto il libro un po' di tempo fa e con mia grande felicità ho riscoperto cosa significasse leggere un fantasy classico, ma che non lo è del tutto.
Il mondo che imperversa in questo racconto, infatti, è una dimensione dove la magia è una cosa certa, dove i demoni esistono e altre cose pazzesche accadono per via di maghi come Howl, il nostro affascinante protagonista maschile dal carattere di un Don Giovanni.
Poi ci sarà Sophie, la nostra protagonista che sarà trasformata in una vecchietta, che ci farà sorridere con la sua tenacia nonostante la maledizione che la seguirà per quasi tutto il racconto.
Sophie si ritroverà insieme al mago Howl e altri amici in una serie di avventure, che la porteranno a ritrovare la sua giovinezza e a scoprire qualcosa di più come il sentimento dell'amore.

I tre aggettivi per questo romanzo sono:
Affascinante, particolare e incantevole!

Diana Wynne Jones incita il lettore a leggere il libro tutto d'un fiato, facendoci scoprire ad ogni passo una storia coinvolgente che ci trascinerà in un mondo pieno di fantasia, amicizia e, come ho già anticipato, anche di amore.
Personalmente non ho trovato il racconto particolarmente lento; lo dico, perché molte delle recensioni che ho letto sul web, hanno scritto il contrario.
Un particolare che ho trovato davvero interessante è il fatto che, a differenza del film, nel libro si intraveda lo scorcio di un altro mondo; un mondo più reale dove la tecnologia esiste come nel nostro, cosa che su Ingary non è affatto nota.
I discorsi tra i personaggi sono ben chiari. Ho trovato la caratterizzazione dei protagonisti veramente notevole e l'ambientazione mi è piaciuta davvero molto.
Il racconto si sviluppa in una serie di situazioni e coincidenze, che mentre leggevo mi chiedevo già cosa sarebbe successo al prossimo capitolo. E, se in quel periodo non avessi lavorato, sono sicura che lo avrei finito in qualche ora.
Punti a sfavore? Forse avrei voluto vedere meglio il personaggio di Howl, che ho adorato dall'inizio alla fine.
Una cosa è certa questa volta: quello del film è imbattibile!

Il castello errante di Howl
è un ottimo regalo di Natale per tutti gli appassionati del genere e non solo, per via della sua storia incantevole che, grazie all'immaginazione dell'autrice, riesce a regalare un sogno a ciascuno di noi.
Per questo, lo stranconsiglio!

Grazie ancora per avermi letto, alla prossima!